Home - Destinazioni - Articoli

Di silenzio e di stelle

Suggestioni dal Wadi Rum

[Tripper: Paola]
ENMovimento lentoWadi Rum

Sentirsi minuscoli dentro al silenzio della notte, al cospetto del firmamento, è un attimo. Immagina di osservare quei puntini luminosi che disegnano geometrie dai nomi fantasiosi, disteso comodamente in un letto. Il pensiero che ricorre più di altri è: ma davvero siamo soli nella galassia?
Una notte vissuta nel deserto è un'esperienza da fare almeno una volta. Per noi non è la prima, ma ogni volta capita la stessa cosa: la mente sembra liberarsi di orpelli e vaga libera senza freni, immaginando mondi altri, con creature che da qualche parte si pongono le stesse domande, che ci poniamo noi.

Il campo nel deserto

Il campo nel deserto

Il campo di notte

Il campo di notte


Il campo che ci ospita questa volta è nel Wadi Rum, la vallata desertica a sud della Giordania, amata dai registi cinematografici per i suoi panorami lunari. Non a caso la popolazione locale usa anche chiamarla Wadi al-qamar, nome che significa proprio Valle della Luna. Queste lande spazzate dal vento, confinate dai profili inconfondibili delle sue montagne di granito, hanno offerto ambientazioni per diversi film: da Lawrence d'Arabia nel lontano 1962 ai più recenti Transformer e Star Wars, con lo spin-off Rogue One.
Che siate appassionati di set cinematografici o meno, la bellezza di questo paesaggio non vi sfuggirà. Iscritto tra i patrimoni dell'Unesco nel 2011, per fortuna sono stati avviati già diversi anni prima, progetti di salvaguardia del suo delicato habitat, in modo da proteggerlo dall'incuria di un'azione umana spesso poco consapevole e poco attenta.
Per raggiungere i vari campi dislocati nel deserto (ce ne sono davvero un po' troppi), i beduini del luogo guidano delle jeep pick up col cassone sul retro adibito a trasporto passeggeri. Non è molto agevole salirci, ma anche questo fa parte dell'esperienza.
Il tragitto fino al campo è ballerino e polveroso ma piuttosto divertente.
Il nostro autista si chiama Ibrahim, dice di avere diciott'anni, ma ne dimostra quindici.
Prima di lasciare l'agglomerato di case che funge da porta di ingresso del deserto, si ferma a comprarci dell'acqua. Sta lavorando per la sua mancia ma non risulta invadente. Sa poche parole di inglese, ma ha un sorriso straordinariamente bianco e altrettanto amorevole. Ci capiamo a gesti ed è tutto quel che serve.
Il campo, nonostante il nome altisonante (Wadi Rum night luxury camp), non può definirsi lussuoso, nel senso etimologico del termine.
Siamo nel deserto, certo, non si può pretendere troppo, ma abbiamo comunque sperimentato campi migliori di questo, in altri deserti. Sto parlando puramente di cura del dettaglio e di sfarzosità, perché comunque quello che resta lussuoso in questo contesto, forse perfino più consono alla rudità dell'ambiente attorno, è l'esperienza.
Dormire sotto le stelle, in una bolla resa trasparente verso la volta celeste è qualcosa di difficilmente descrivibile.
Potrei raccontarvi di come è difficile riuscire ad addormentarsi per la voglia continua di spaziare lo sguardo a destra e sinistra, alla ricerca dell'ennesima stella cadente.
Potrei raccontarvi di come, una volta assopiti, qualcosa ti spinge a riaprire gli occhi per sorprenderti ancora e ancora, fino alla prime luci dell'alba che danno colore alle forme.
Sarei comunque sempre lontana dal dirvela tutta.
Le bolle, per chi se lo chiedesse, sono dotate di bagno personale con doccia, il letto è un vero letto, non un materassino da campeggio, e c'è persino l'aria condizionata, perché qui nel Wadi Rum, di notte, le temperature restano piuttosto miti.
Si cena nella tenda comune, esperienza, per noi, abbastanza deludente ma era davvero un dettaglio, perché ciò che resta nella mente è altro.
Sono le scarpe piene di sabbia, quasi una metafora del deserto che ti entra dentro; sono i colori che cambiano in base a dove punti lo sguardo, in base all'ora del giorno; sono forme rocciose che non smetteresti mai di fotografare, è l'attesa del tramonto seduti su una sabbia sorprendentemente fredda, silenziosi ma in qualche modo connessi; sono le tracce di antiche umanità che abitavano queste terre ben prima dell’Anno Domini: gli ingegnosi nabatei, che costruirono la loro capitale nella straordinaria Petra.
Ovunque è suggestione, che concorre a farci sentire testimoni di passaggio di un disegno superiore.
Vi appassionerete!
Buon viaggio!

(L'esperienza nel deserto è parte integrante di un tour più completo fornito dall'opratore giordano Trip500, che ringraziamo per l'organizzazione.)

Tende a bolla

Tende a bolla

Dentro la bolla

Dentro la bolla


Noi sull

Noi sull'arco roccioso

Aspettando il tramonto

Aspettando il tramonto


In collaborazione con
partnership




faqScopri di più

Q. Da quali località è visitabile il Wadi Rum?
A. Il Wadi Rum dista circa 60 km da Aqaba e a 112 km da Petra, fattibili in giornata con pernottamento nel deserto se partite da Petra, anche con rientro se partite da Aqaba. Da Amman sono più di 4 ore di macchina quindi piuttosto sconsigliato.



Q. Posso girare il Wadi Rum a piedi?
A. Il Wadi Rum si estende per 720 km² e come tutti i deserti girarlo a piedi è altamente sconsigliato. I beduini del luogo vi potranno comunque accompagnare sia in jeep sia coi cammelli per i tragitti più limitati.



Q. Si può comprare acqua nel Wadi Rum?
A. I campi nel deserto sono attrezzati di tutto ed è possibile acquistare bibite. Tuttavia se le comprate fuori dall'area del Wadi Rum vi costeranno decisamente meno.



Q. C'è vegetazione nel Wadi Rum?
A. Il Wadi Rum possiede una flora rara ed endemica, composta da arbusti ed erbe. Facile trovare anche l'anemone rosso, fiore nazionale della Giordania. Inoltre pare che la terra rossa del deserto regali le migliori angurie di Giordania.



Q. Quale moneta si usa in Giordania?
A. La valuta ufficiale della Giordania è il dinaro giordano indicato come JOD



Q. E' necessario lasciare una mancia agli autisti beduini e a chi scarica i bagagli al campo?
A. Anche se non strettamente necessario, è buona norma lasciare da 1 o 2 JOD di mancia.