Home - Destinazioni - Articoli

Due di Sette

La linea sacra di San Michele

[Tripper: Paola]
ENPensiero LiberoSt Michael

La leggenda narra che l'arcangelo Michele sconfisse il Demonio con un colpo di spada. Da allora divenne, per tutte le religioni, il guerriero comandante delle milizie celesti, difensore del bene.
In suo onore vennero eretti luoghi di culto in tutta Europa, in tempi diversi, a cominciare dalla Basilica di Costantinopoli fatta erigere dall'imperatore Costantino nel 313 d.C. per continuare in ogni dove. Tutti conoscono la celebre Mont Saint Michel in Normandia (regione a Nord della Francia), ma a questa fanno eco diversi altri luoghi

St Michael Mount

St Michael Mount

Il Porticciolo

Il Porticciolo


Se viaggiate verso la Cornovaglia non perdetevi il gemello inglese St. Michael's Mount, dove si narra che l’Arcangelo apparse, nel 495, ad un gruppo di pescatori, ben prima di far visita ai pescatori oltre Manica, fatto che avvenne solo nel 708.
Furono però gli stessi benedettini francesi di Mont Saint Michel ad edificare qui il monastero titolato a San Michele.
L'isola di St. Michael's Mount sorge di fronte all'abitato di Marazion, dove potrete lasciare la macchina. È raggiungibile a piedi, quando la marea è bassa, o in barca quando invece le acque la circondano. E sì, perché come la gemella francese, St. Michael's Mount è un'isola tidale, ossia collegata alla terraferma da una lingua sabbiosa, lastricata di pietra. Osservando con molta attenzione, lungo l'attraversamento pedonale, scorgerete una pietra a forma di cuore. È il cuore del gigantesco Cormoran, che una fiaba inglese descrive come il cattivo della storia. Si narra che il gigante rubasse bestiame a tutti gli abitanti, terrorizzandoli, ma fu sconfitto, grazie all’astuzia di un ragazzino di nome Jack, che volle conservare il suo cuore in bella vista.
Chi ha bambini a seguito, potrà giocare con loro, sfidandoli nella ricerca del cuore, stimolandoli ad immaginare come potrebbe essere fatto questo gigante alato.
Prima dell'entrata al villaggio vi accoglie l'abbraccio del piccolo porticciolo. Le barche senza acqua sono appoggiate su un fianco.
In questo luogo, intriso di racconti, vivono ancora oggi 30 residenti che collaborano per mantenere in ordine ogni cosa. Perdetevi tra i suoi vicoli e apprezzate i suoi giardini con piante di aeonium e agapanti, che non immaginereste di trovare a queste latitudini. Ma le acque attorno all'isola sono attraversate dalla corrente del golfo e creano un microclima che favorisce la crescita di piante tipiche di climi subtropicali.
Affacciatevi sulle mura per inspirare l'aria di mare e lasciate che la fantasia vi trasporti lontano per connettervi con la Linea Sacra di San Michele .
Questo luogo è infatti disposto su una linea retta che collega altre sei località europee dove sorgono monasteri dedicati al santo, dall’Irlanda a Israele, passando vicino a Torino, dove sorge la Sacra di San Michele, luogo dove idealmente Umberto Eco ambientò il suo celebre romanzo "Il Nome della Rosa".
Si narra che questa linea retta riproduca il colpo di spada che rispedì Satana agli inferi.
Che sia suggestione oppure no, rimane un alone di mistero che rende questi luoghi comunque mistici. Chissà se qualcuno di voi li ha già visitati tutti o se ha messo la crocetta accanto almeno ad una parte di essi. Noi, al momento, siamo fermi a tre su sette, ma c'è ancora tanta strada da percorrere, e non è difficile immaginare di poterle crocettarle tutte, prima o poi.
Buon viaggio!

Il Porticciolo

Vicoli del borgo

dalla spiaggia

dalla spiaggia