Home - Destinazioni - Articoli

Bignami di storia

Saragozza: un libro a cielo aperto

[Tripper: Paola]
ENImpara l’arteSaragozza,

Inserita come tappa di passaggio per raggiungere i paesi Baschi da Barcellona, Saragozza è stata davvero una piacevole sorpresa. Tagliata in due dal fiume Ebro, la città ha molto da offrire: è piacevole passeggiare per le sue vie, o lungo il fiume ma lo è ancora di più farsi ammaliare dai suoi palazzi che riflettono i gusti diversi dei vari popoli che l’hanno dominata in diversi periodi storici.
Conquistata dai romani, dai musulmani, da ebrei e cristiani, l’eredità di ciascuno vive nelle sue architetture. La grandissima Plaza del Pilar fu centro religioso, politico e sociale della città romana di Caesaraugusta e conserva ancora, con le sue cattedrali, questo ruolo. Da ammirare la Basilica de Nuestra Señora de Pilar, che domina la città ovunque la si guardi. Anxhe da lontano spiccano le sue torri, la cupola grande e un’altra decina di cupole più piccole. Da vicino potrete apprezzare le tegole multicolori della copertura.

Cupole della Basilica de Nuestra Señora de Pilar

Cupole della Basilica de Nuestra Señora de Pilar

Plaza del Pilar

Plaza del Pilar


Bellissima di sera, quando acquista una luce capace di avvolgere il visitatore in un morbido abbraccio, bella di giorno quando si apprezzano maggiormente anche gli elementi aggiuntivi come la statua intitolata a Francisco de Goya, il pittore più famoso della città e la Fontana di Hispanidad, che, composta da blocchi in pietra, rappresenta simbolicamente la forma dell’America latina e le caravelle di Colombo. In questa piazza ci siamo persi a fare mille foto artistiche o divertenti, a sottolineare in ogni caso quanto ci sia piaciuta.
Radicalmente diverso è il palazzo dell’Aljaferia, eretto a scopo difensivo nell’undicesimo secolo, divenne residenza di svago del sovrano Al-Muqtadir, durante la dominazione araba.
Le merlature dello splendido porticato ne sono un’esplicita testimonianza ma il palazzo è come un libro di storia e racconta anche delle aggiunte e delle rivisitazioni fatte successivamente alla riconquista cristiana. La parte più antica dell’Aljaferia è la "Torre del Trovador".
La città brulica inoltre di gioventù che qui viene a studiare, trovando un ambiente universitario internazionale meno costoso e caotico di Barcellona o Madrid.
È un bel luogo dove scorrere del tempo anche in famiglia con offerte particolari come l’acquario fluviale più unico che raro, e una gastronomia della tradizione piuttosto apprezzabile.
Il nostro consiglio è di non trascurarla se state pianificando un giro nel nord della Spagna.
Buon viaggio!

Plaza del Pilar

Fontana di Hispanidad

Porticato dell

Porticato dell'Aljaferia