Home - Destinazioni - Articoli

50 sfumature di viaggio

Un motivo in più per partire

[Tripper: Paola]
ENOn Air

Quante sfumature può avere un viaggio?
Si può partire per lavoro, per seguire una convention, perché l’azienda ci ha regalato un viaggio premio oppure ci ha invitato ad assistere al lancio di un nuovo prodotto; si viaggia per seguire un evento particolare, per motivi religiosi o di studio o semplicemente si viaggia per divertimento.

Rogers Centre - SkyDome

Rogers Centre - SkyDome

Ristorante Rogers Centre

Ristorante Rogers Centre


Il settore turistico, che sia segmento business o leisure, si declina in varianti che catturano l’attenzione di consumatori di diverso tipo e diverso è l’impatto che hanno sul territorio visitato e sulle strutture a supporto.
Quando partiamo, il motivo del viaggio si rivela in molteplici aspetti e impatta su quello che decidiamo di infilare in valigia, sul mezzo di trasporto scelto, sull’organizzazione del tempo, e sulle voci di spesa.

Negli ultimi anni, l’approccio al viaggio dei tripper di Tryatrip, benché sempre molto sbilanciato sul segmento leisure, ha assunto sfumature che ne hanno modificato i connotati.

Non si parte più per la lunga vacanza di tre o quattro settimane con una lista lunghissima di attività e di luoghi da visitare, quasi ad inseguire un’overdose di esperienze.
Si parte di più, per periodi più brevi, con un obiettivo più focalizzato, con budget decisamente più impegnativi. Solo dopo, sfruttando l’occasione, si aggancia un’esperienza turistica più ampia. Capita così che partiamo per assistere ad un evento sportivo oppure per vedere una mostra o esercitare una particolare esperienza fruibile solo in determinati luoghi.
È un approccio al viaggio più moderno, spesso stimolato proprio dai figli, che più di noi, vivono il mondo come un villaggio globale, a portata di click. Dall’altra parte dell’oceano c’è un evento che gli interessa?
Basta un click e hai i biglietti in tasca, un altro click ed è prenotato anche il volo. La finalità rende il viaggio più stimolante, l’esperienza turistica in senso lato diventa un contorno.
Su questa scia, siamo volati in Canada solo per seguire una serie di partite di baseball, siamo volati negli Emirati Arabi solo per assistere al gran premio di Yas Marina, voleremo appena possibile nello Sichuan solo per un incontro ravvicinato con i Panda Giganti e nelle Filippine solo per saltare sui gonfiabili del parco marino a tema Unicorni più grande del mondo.
Di recente abbiamo anche messo gli occhi su un mondo finora inesplorato, legato agli eventi di e-sports. C’è chi pensa che le consolle di videogiochi sempre più connesse alla rete, siano ladri di tempo per i nostri figli. In realtà sono solo uno strumento di accesso ad un mondo sportivo vero e proprio con tanto di campionati nazionali e mondiali ed eventi commerciali abbinati che creano un segmento di business per nulla trascurabile.
Stiamo pianificando di assistere all’evento Ubisoft che porta il nome di Six Invitational, una competizione tra team provenienti da tutto il mondo che si sfidano a Rainbow Six Siege.
Quest’anno l’evento doveva svolgersi proprio in questi giorni a Parigi ma è stato rinviato a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia.
L’aspettativa intorno a questa esperienza è confusa, ma siamo sempre pronti a sperimentare perché infondo è questo il senso autentico di ogni viaggio.

Ristorante Rogers Centre

Circuito Yas Marina

Hockey Hall of Fame

Hockey Hall of Fame